Le ragioni della collaborazione
DI ACTION & PASSION FOR PEACE
con l’Accademia Internazionale
di Scienze Ambientali (IAES)


logoL’International Academy of Environmental Sciences (IAES), associazione culturale presieduta dal Nobel per la Pace, Adolfo Perez Esquivel, da anni promuove iniziative per la tutela internazionale della salute dell’Uomo, del Pianeta Terra e dei suoi Ecosistemi. IAES nasce formalmente il 28 gennaio 2003, come tappa conclusiva e contemporaneo nuovo inizio di un comune impegno a favore dell’ambiente, per volontà di Antonino Abrami, magistrato presso la Corte d’Appello di Venezia e docente universitario, e Giuseppe Cartei, oncologo e professore universitario e ha tra i suoi soci rettori, studiosi, scienziati, giuristi di diverse nazionalità. Alle numerose e qualificate attività svolte dalla IAES, quasi sempre organizzate sotto l’Alto Patronato della Presidenza del Repubblica e con il patrocinio e l’attiva partecipazione della Commissione Europea e del Parlamento Europeo, hanno partecipato e dato significative adesioni diversi Capi di Stato e di Governo, europei ed extraeuropei, e diversi premi Nobel. Nel 2007 Action&Passion for peace ha deciso di collaborare fattivamente con la IAES e di sostenerne i progetti, coerentemente con la propria mission di "coniugare passione e azione", facendo seguire alle parole e ai dibattiti fatti concreti ed efficaci.

Lightbox Image
 
 
I progetti della IAES, Corte Penale Internazionale   dell’Ambiente e Corte Penale Europea dell’Ambiente, sono infatti un tipico esempio di iniziative “ad alto tasso di concretezza”  in quanto non solo affrontano temi essenziali per  la  salute e la sopravvivenza stessa della salute e dell’uomo (come l’inquinamento e la difesa dai disastri ambientali), ma perché propongono strumenti legislativi e giuridici per un'effettiva difesa dell’ambiente. Strumenti che, se applicati, potranno avere, nel giro di breve tempo, conseguenze positive, concrete e visibili per tutto il genere umano.

Certo il lungo e laborioso cammino che è stato necessario per arrivare all’istituzione della Corte Penale Internazionale per i crimini contro l’umanità, ci insegna che non sarà un percorso semplice quello di far rientrare tra questi crimini anche quelli commessi contro la natura e l’ambiente. Tuttavia il grande e crescente consenso che l’iniziativa della IAES sta riscontrando da più parti, le prestigiose adesioni ai progetti pervenute da Capi di Stato e di Governo, Premi Nobel e rappresentanti delle istituzioni internazionali, lasciano capire che l’obiettivo è a portata di mano e che il comune impegno dei tanti amici di nostra Madre Terra, alla fine sarà premiato.

  Lightbox Image